Campania - Salerno - Agropoli

Residence Serenella nel cuore del Cilento

  • Casa Vacanza
  • 2 giorni / 1 notte
  • 3 stelle
  • Solo Pernottamento

Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è il secondo parco nazionale italiano per dimensioni ed è tutelato dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Il Cilento è un’area di notevole interesse naturalistico, immersa tra mare e sole, storia e leggenda, archeologia e cura dell’ambiente, tradizione e apertura alle innovazioni, tanto da incantare gli amanti della natura e della cultura.
Oltre alle rinomate località balneari, il Cilento è costituito da numerosi paesi e cittadine che conservano ancora, quasi intatti, monumenti e vestigia di un passato glorioso, tutto da riscoprire.

Dettagli

Posizione del Residence
Alle porte della Costiera Cilentana, sul lungomare San Marco, a pochi passi dalla spiaggia.


Distanze
Dal mare, 10 m spiaggia di sabbia, raggiungibile con attraversamento stradale - dal centro, 1,5 km; 5 km Paestum - dalla Stazione Ferroviaria: 1 Km Agropoli-Castellabate.


Descrizione
Struttura moderna, composta da un corpo Hotel, disposto su quattro livelli con camere e servizi principali e il nuovo Residence, aperto nel 2019, distante ca. 100 m, su due livelli e raggiungibile internamente attraversando il parcheggio.


Appartamenti
10 Bilo, con terrazzo e giardino al piano terra o al primo piano con terrazzo.
Dotazioni: servizi con doccia e phon, Wi-Fi, aria condizionata. Angolo cottura, su richiesta con supplemento.
Bilo 2/4 (35 mq): soggiorno con divano letto matrimoniale e camera matrimoniale.


Ristorazione
Colazione continentale a buffet. Ristorante con terrazza vista mare, aperto anche agli esterni, propone cucina della tradizione mediterranea e cilentana, pasticceria e gelateria di produzione propria, menu a scelta e servizio al tavolo. Per gli ospiti in Residence sconto 10%.


Servizi
Hall, ricevimento (anche per residence), lounge-bar, sala TV/gioco carte, sale congressi, Wi-Fi, ascensore. Accessibile ai disabili. C/o Corpo Residence: ascensore, Wi-Fi, terrazza solarium. Parcheggio incustodito. Animali non ammessi. Si accettano carte di credito.
A pagamento: bevande, consumazioni extra.
Nelle vicinanze: campo da tennis 3 km; maneggio 5 km.


Spiaggia
Privata, attrezzata (15/06 - 30/09), un ombrellone e due lettini a camera/appartamento, inclusa per gli ospiti in pensione e in appartamento. Per ospiti in solo pernottamento e in camera e colazione, € 12/23 al giorno.

Date e prezzi
Prezzo
dal 03/10/20 al 19/12/20
Quota per Bilo 2/4 in solo pernottamento per 7 notti
€ 400
Incluso/Escluso

I prezzi s'intendono a persona in Bilo in solo pernottamento.

La Quota Comprende

- sistemazione in Bilo
- trattamento di solo pernottamento
- pulizia giornaliera, biancheria letto/bagno con cambio settimanale
- assistenza in loco

La Quota Non Comprende
- pasti e bevande
- Assicurazione facoltativa medico bagaglio annullamento
- extra personali e mance
- Le mance gli extra e tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende

Appunti di Viaggio

Conoscere il Cilento


Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è il secondo parco nazionale italiano per dimensioni ed è tutelato dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Il Cilento è un’area di notevole interesse naturalistico, immersa tra mare e sole, storia e leggenda, archeologia e cura dell’ambiente, tradizione e apertura alle innovazioni, tanto da incantare gli amanti della natura e della cultura. Oltre alle rinomate località balneari (Marina di Camerota, Palinuro, Agropoli, Pollica), il Cilento è costituito da numerosi paesi e cittadine che conservano ancora, quasi intatti, monumenti e vestigia di un passato glorioso, tutto da riscoprire.
Il Vallo di Diano è una fiorente piana del salernitano, che comprende numerosi paesi, tra cui Sala Consilina, Montesano, Padula, Pertosa e Teggiano.

Marina di Camerota (in cilentano Marina re Cammarota) il centro più popoloso (3.500 abitanti) del comune di Camerota, in provincia di Salerno. La “perla del Cilento”, com’è soprannominata, è ricompresa nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, quindi protetta dall’Unesco quale patrimonio mondiale dell’umanità e riserva della biosfera. Da otto anni consecutivi Bandiera Blu europea per gli approdi turistici.

Cenni storici
Nel XVII secolo, Marina di Linfreschi non era altro che un gruppo di case, a Capo dell’Infrischi, con pozzo, forno, deposito e taverna, abitata da contadini e pescatori addetti alle fortificazioni della costa. La popolazione cresce, molti marinari della costiera amalfitana e sorrentina vi si stabiliscono, e l’abitato si espande intorno ad una chiesa intitolata a San Domenico di Guzmán.
È il 17 luglio 1848, e Ferdinando II Borbone firma il decreto che stabilisce: ” L’aggregato di case lungo il litorale di Camerota prende il nome di Marina di Camerota”.
Nel XIX secolo e agli inizi del XX ha subito il fenomeno dell’emigrazione, rivolta in particolare verso il Sudamerica ed il Venezuela: per i legami mantenuti con quelle terre in una piazza del centro, di fronte al porto, è stata eretta una statua al “libertador” venezuelano Simón Bolívar, al quale sono anche dedicati la via principale del paese e uno dei due cinema locali.


Tra Mito e Leggenda
Il nome viene fatto anche risalire a quello della fanciulla Kamaraton, bella come una dea, ma dal cuore di pietra. La leggenda narra che il nocchiero di Enea, Palinuro, se ne innamorò follemente, arrivando addirittura a inseguire la sua immagine nel fondo del mare, andando incontro al suo destino. Colpevole di amore non corrisposto, Kamaraton venne trasformata in roccia da Venere, la roccia su cui oggi sorge Camerota, testimone perenne di uno sfortunato amore.
arina di Camerota è una frazione di Camerota, paesino cilentano alle falde del Monte Bulgheria. Per motivi strategici legati alla difesa dagli attacchi dei pirati saraceni, i paesi del Cilento costiero erano situati su alture meglio difendibili situate a poca distanza dal mare e l’antico borgo di Camerota non fa eccezione.
Marina di Camerota ha uno splendido mare e vanta spiagge di sabbia fine. Il sito più suggestivo della sua costa è Punta degli Infreschi, uno dei tratti più incontaminati d’Italia, dove non è stato costruito nulla.
Il litorale di Marina di Camerota è una meta di grande prestigio per il turismo estivo ed è noto per le sue grotte dove sono stati rinvenuti i resti dell’Homo Camerotensis, un uomo preistorico risalente a circa 540.000 anni prima di Cristo, contemporaneo dell’uomo di Neanderthal da cui differiva solo per la caratteristica del mento più prominente.
Ma la straordinaria bellezza non si ferma qui: le grotte sono intervallate da calette a cui si accede solo dal mare, costoni rocciosi e spiagge incontaminate, tutto a pochi metri da uliveti e macchia mediterranea.


Oltre 100 chilometri di costa incontaminata!
Il Cilento è uno dei luoghi più magici e suggestivi della Campania, e si estende da Paestum, celebre per il suo imponente Parco Archeologico, fino al Golfo di Policastro. Una miriade di paesini variopinti, custodi di antichissime tradizioni popolari, anima questo territorio, come Agropoli, Palinuro, Camerota, Sapri, Ascea e Santa Maria di Castellabate. Di incantevole bellezza sono le sue spiagge, spesso premiate con Bandiere Blu e Vele Legambiente: lidi di fine sabbia dorata si alternano a tratti di costa più rocciosa e frastagliata, ricca di insenature, grotte preistoriche e torri di guardia tutte da scoprire!
Qui, inoltre, si trova il secondo parco più grande d'Italia. Inserito nel 1998 nella World Heritage List dell'Unesco, insieme alla Certosa di Padula e all'area archeologica di Paestum, il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano comprende i Monti Bulgheria e Stella, e le vette del Gelbison, degli Alburni e del Cervati. Oltre 1800 specie di piante spontanee popolano quest'area, in compagnia di una fauna eterogenea ma allo stesso tempo armoniosa. Troviamo, infatti, la splendida aquila reale, il lupo, la lepre e la coturnice. Simbolo culturale del Cilento è di certo Velia, dal greco antico Elea, centro importantissimo della Magna Grecia fondata nel VI secolo a.C. insieme alla scuola filosofica eleatica, che aveva come esponenenti di spicco Zenone e Parmenide. In questo luogo è possibile visitare, tra i vari monumenti, la Porta Rosa, che fungeva da legame tra i due quartieri della cittadina.
Ma questa terra è famosa anche per l'eccezionale qualità dei prodotti gastronomici. Proprio qui, infatti, nasce la dieta mediterranea studiata da Ancel Keys, fisiologo e biologo statunitense che per primo scoprì e documentò i benefici di un'alimentazione basata su pasta, pane, pesce sempre fresco, verdura, legumi e olio di oliva.

1 Commenti
enzo.frustaci

alle ore 1:41 del 17 febbraio

4.0/5.0

tutto è andato bene, ho passato un piacevole week-end. La Struttura era molto carina e la cena è stata divertente.


Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!